L'Obesità è una malattia da cui si può guarire

Una completa raccolta d’informazioni per chi inizia o  ha già intrapreso un percorso di conoscenza e di lavoro sul proprio corpo, per migliorare la qualità della vita.

L'Obesità è una malattia da cui si può guarire

Una completa raccolta d’informazioni per chi inizia o  ha già intrapreso un percorso di conoscenza e di lavoro sul proprio corpo, per migliorare la qualità della vita.

Body Positive mobile Amici Obesi

Iris Zani Presidente

Mi chiamo Iris, convivo con obesità da dopo la prima gravidanza. Da ragazza ero solo sovrappeso e già in quella condizione non ero felice. Era più una questione psicologica di disagio che non un vero problema di salute.

Con la prima gravidanza tutto cambia, il mio metabolismo non risponde più a nessun metodo di cura per molti anni, portandomi a obesita grave di 3° grado oltre ad essere sempre più infelice all’interno di un corpo che non sentivo più mio.

Dopo la seconda gravidanza affrontata con un peso davvero importante mi avvicino alla chirurgia bariatrica ma ho fin da subito diversi problemi che mi portano a cercare informazioni sul web da poco da me conosciuto.Riscontro che vi siano poco informazioni e che i pazienti si avvicinassero alla chirurgia bariatrica poco informati.

Nasce l’idea della creazione di un sito web, di un forum di scambio informazioni e di un’associazione che chiede ai professionisti di darci maggiori informazioni possibili dei metodi di cura e non solo chirurgici.

Io nel frattempo vengo operata più volte nel corso di questi 17 anni e i risultati ottenuti con grande sacrificio cerco di mantenerli il più possibile mediante una sana alimentazione, acquisita negli anni e attività fisica concigliata con la sopraggiunta malattia: la fibromialgia.

Ho vissuto da adolescente quello che è proprio discriminazione del diverso: essere più grande, più alta e anche più grossa dei coetanei è stato motivo di profondo disagio soprattutto fino a quando ho vissuto in una piccola cittadina montana.

A 20 anni ho deciso di trasferirmi in una grande città come Milano dove la gente ti ignora e quindi non ti guarda con occhi curiosi ma soprattutto mi ha offerto la possibilità di cura.
Oggi a 55 anni non sono magra e neppure una super obesa e posso vivere molto meglio non avendo altre grosse patologie correlate all’obesità e desidero con il mio lavoro aiutare tante persone a trovare il giusto metodo di cura al loro problema di obesità.

Mi occupo dunque di obesità dunque da quasi 20 anni e ci convivo da sempre e ritengo di poter essere di aiuto perché conosco il problema approfonditamente soprattutto sotto l’aspetto psicologico.

Gestisco il GRUPPO DI MUTUO AUTO AIUTO dal 2012 e con i pazienti che si sono susseguiti negli anni ho potuto apprendere le dinamiche e problematiche che circondano la malattia. Il gruppo è un sostegno nel percorso di cura e io stessa beneficio degli effetti positivi frequentandolo.

Iris Zani

Presidente

Obesità sempre più vicini al riconoscimento della malattia
woday eu award winner Amici Obesi

Il premio per il miglior programma di coinvolgimento dei pazienti, in occasione della Giornata mondiale dell’obesità in Europa, è stato assegnato ad Amici Obesi Onlus dalla Coalizione Europea per le persone che vivono con l’obesità (ECPO).
I vincitori del 2023 sono la Coalizione Irlandese per le persone che vivono con l’obesità (ICPO); Amici Obesi Onlus, Italia; Università Ariel, Centri Medici Assuta, Servizi sanitari Meuhedet e Servizi sanitari Maccabi, Israele; Società ungherese per lo studio dell’obesità; Associazione slovacca per l’obesità, Camera di farmacia slovacca e Bratislava Regione autonoma, Slovacchia, e il Centro di riferimento statale croato per il trattamento dell’obesità e la Lega croata di ipertensione, Croazia.
I premi sono consegnati annualmente dalla Coalizione Europea per le Persone che vivono con l’Obesità (EASO) e dall’Associazione Europea per lo Studio dell’Obesità (EASO) per attività e iniziative relative alla Giornata Mondiale dell’Obesità in Europa.
Amici Obesi nasce nel 2005 per rispondere al bisogno informativo sull’Obesità come malattia istituzionalmente riconosciuta e sui possibili percorsi terapeutici per affrontarla.
In occasione della Giornata Mondiale dell’Obesità Europa 2023, Amici Obesi Onlus ha organizzato un evento teatrale al Teatro Spazio Tertulliano di Milano, che ha visto la prima di “Obesity/From”, un monologo sul viaggio di una persona che convive con l’obesità fin dall’infanzia. Una bellissima ed intensa interpretazione di un’attrice italiana e paziente sottoposta a chirurgia bariatrica, la signora Donatella Liotta.
Allo spettacolo è seguito un dibattito pubblico tra pazienti e operatori sanitari.
Per ulteriori informazioni su questo premio e su Amici Obesi Onlus potete visitare il nostro sito: www.amiciobesi.it
Per ulteriori informazioni sulla Giornata mondiale dell’obesità in Europa, consultare https://woday.eu/
𝗢𝗯𝗲𝘀𝗶𝘁𝘆/𝗙𝗿𝗼𝗺 è un viaggio d’amore/odio alla scoperta della propria identità attraverso l’immagine di sé e l’immagine sociale. 𝗗𝗼𝗻𝗮𝘁𝗲𝗹𝗹𝗮 𝗟𝗶𝗼𝘁𝘁𝗮, autrice e interprete del testo, nel passaggio da #obesità a semplice sovrappeso grazie ad un intervento di #chirurgiabariatrica, si chiede se non abbia in parte tradito la bambina, che era felice e si vedeva bella – nonostante la #diversità – cedendo infine a conformare la propria immagine a quella dettata dalla società e dalla moda imperante. 𝐸’ 𝑠𝑡𝑎𝑡𝑎 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑐𝑒𝑙𝑡𝑎 𝑔𝑖𝑢𝑠𝑡𝑎? 𝑂 𝑠𝑖 𝑑𝑜𝑣𝑟𝑒𝑏𝑏𝑒 𝑎𝑣𝑒𝑟𝑒 𝑖𝑙 𝑐𝑜𝑟𝑎𝑔𝑔𝑖𝑜 𝑑𝑖 𝑣𝑖𝑣𝑒𝑟𝑒 𝑓𝑖𝑛𝑜 𝑖𝑛 𝑓𝑜𝑛𝑑𝑜 𝑙𝑎 𝑝𝑟𝑜𝑝𝑟𝑖𝑎 𝑝𝑒𝑐𝑢𝑙𝑖𝑎𝑟𝑖𝑡𝑎̀? 𝐸 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑖𝑛𝑓𝑙𝑢𝑖𝑠𝑐𝑜𝑛𝑜 𝑙𝑒 𝑑𝑖𝑠𝑐𝑟𝑖𝑚𝑖𝑛𝑎𝑧𝑖𝑜𝑛𝑖 𝑠𝑢𝑙𝑙’𝑒𝑐𝑐𝑒𝑠𝑠𝑜 𝑑𝑖 𝑝𝑒𝑠𝑜, 𝑙𝑎 𝑐𝑜𝑠𝑡𝑎𝑛𝑡𝑒 𝑎𝑛𝑠𝑖𝑎 𝑒 𝑝𝑎𝑢𝑟𝑎 𝑑𝑒𝑙 𝑟𝑖𝑓𝑖𝑢𝑡𝑜, 𝑛𝑒𝑙 𝑐𝑟𝑒𝑎𝑟𝑒 𝑢𝑛 𝑐𝑖𝑟𝑐𝑜𝑙𝑜 𝑣𝑖𝑧𝑖𝑜𝑠𝑜 𝑐ℎ𝑒 𝑝𝑜𝑟𝑡𝑎 𝑎 𝑟𝑖𝑓𝑢𝑔𝑖𝑎𝑟𝑠𝑖 𝑛𝑒𝑙 𝑐𝑖𝑏𝑜 𝑒 𝑎 𝑑𝑖𝑣𝑒𝑛𝑡𝑎𝑟𝑒 𝑜𝑏𝑒𝑠𝑖 𝑠𝑒𝑚𝑝𝑟𝑒 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑜𝑏𝑒𝑠𝑖? 𝑄𝑢𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑙’𝑜𝑏𝑒𝑠𝑖𝑡𝑎̀ 𝑒̀ 𝑢𝑛𝑎 𝑚𝑎𝑙𝑎𝑡𝑡𝑖𝑎 𝑠𝑜𝑐𝑖𝑎𝑙𝑒 𝑒 𝑞𝑢𝑎𝑛𝑡𝑜 𝑒̀ 𝑟𝑒𝑠𝑝𝑜𝑛𝑠𝑎𝑏𝑖𝑙𝑖𝑡𝑎̀ 𝑑𝑒𝑙 𝑠𝑖𝑛𝑔𝑜𝑙𝑜 𝑖𝑛𝑑𝑖𝑣𝑖𝑑𝑢𝑜?
Nella 𝗿𝗲𝗴𝗶𝗮 𝗱𝗶 𝗠𝗮𝗿𝗴𝗮𝗿𝗲𝘁𝗮 𝗣𝗲𝘀𝗲𝗻𝗱𝗼𝗿𝗳𝗲𝗿, il dialogo costante tra bambina, felice prima e spaurita poi, e adulta, obesa prima e quasi normopeso poi, è dialettico, ironico e drammatico. Ed è il nodo cruciale della performance che sviluppa, nella scena nuda e in un intenso parossismo musicale, i movimenti coreografici, curati da 𝗟𝗶𝘀𝗮-𝗞𝗮𝘁𝗿𝗶𝗻𝗮 𝗠𝗮𝘆𝗲𝗿, ora di terrore ora di scoperta ora di dolcezza infinita. In una ricerca continua e mai conclusa (e come potrebbe esserlo il rapporto col proprio corpo?), l’autrice/attrice occupa finalmente tutto lo spazio, consapevole di essere sempre in bilico tra “𝑢𝑛 𝑑𝑖 𝑞𝑢𝑎 𝑐ℎ𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑜𝑠𝑐𝑜 𝑝𝑜𝑐𝑜 𝑒 𝑢𝑛 𝑑𝑖 𝑙𝑎̀ 𝑐ℎ𝑒 𝑚𝑖 𝑎𝑡𝑡𝑟𝑎𝑒 𝑐𝑜𝑚𝑒 𝑢𝑛𝑎 𝑐𝑎𝑙𝑎𝑚𝑖𝑡𝑎, 𝑢𝑛𝑎 𝑠𝑡𝑟𝑎𝑑𝑎 𝑏𝑎𝑡𝑡𝑢𝑡𝑎, 𝑢𝑛𝑎 𝑣𝑖𝑎 𝑐ℎ𝑒 𝑐𝑜𝑛𝑜𝑠𝑐𝑜 𝑎𝑙𝑙𝑎 𝑝𝑒𝑟𝑓𝑒𝑧𝑖𝑜𝑛𝑒”.
“𝑁𝑜𝑛 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑝𝑖𝑢̀ 𝑞𝑢𝑒𝑙𝑙𝑎 𝑑𝑖 𝑖𝑒𝑟𝑖,
𝑛𝑜𝑛 𝑠𝑜 𝑐𝑜𝑚𝑒 𝑠𝑎𝑟𝑜̀ 𝑑𝑜𝑚𝑎𝑛𝑖.
𝑀𝑎 𝑝𝑜𝑠𝑠𝑜 𝑑𝑖𝑟𝑡𝑖 𝑐𝑜𝑚𝑒 𝑠𝑜𝑛𝑜 𝑜𝑔𝑔𝑖,
𝑐𝑜𝑛 𝑖 𝑚𝑖𝑒𝑖 𝑖𝑒𝑟𝑖”

Alda Merini

Siamo felici di annunciarvi un altro importante evento che si terrà il giorno 7 ottobre a Santa Teresa Di Riva, tra Villa Ragno e il Teatro Val D’Agrò: Obesità: guarire è possibile!

Dialogo con gli Esperti sul tema delicato dell’obesità, e cenni sul delicato problema della bulimia ed anoressia cui seguirà lo spettacolo Obesity/From, promosso dall’Associazione Amici Obesi Onlus.Un intenso monologo di e con Donatella Liotta, per la regia di Margareta Pesendorfer.

Un incontro che nasce dalla sinergia del Comune di Santa Teresa e le diverse associazioni del territorio: Fidapa, sezioni di Santa Teresa/ Valle d’Agrò e di Taormina; Lions Club, sezioni di Santa Teresa di Riva e di Roccalumera Quasimodo;Rotary Club Taormina; Unitre, sede di Taormina.

Ringraziamo i numerosissimi partner che hanno sostenuto l’iniziativa e  invitiamo tutti voi a partecipare a questo evento che unisce salute e arte nel difficile percorso di autodeterminazione e accettazione della propria identità.

Invito Evento Obesità - Guarire è possibile - Amici Obesi

 Chiave di Svolta

“Chiave di Svolta – Storie e percorsi di persone con obesità”, la mostra fotografica all’ Irccs Ospedale Galeazzi Sant’Ambrogio

Irccs Ospedale Galeazzi Sant’Ambrogio farà da cornice alla mostra fotografica itinerante “Chiave di Svolta – Storie e percorsi di persone con obesità”, progettata e realizzata dall’ Associazione Amici Obesi Onlus. Gli scatti di Stefano Barattini e le storie di Daniela Consonni pongono i riflettori sull’obesità e su come questa possa essere affrontata, un percorso immersivo alla scoperta di una patologia che colpisce più del 10% della popolazione

10 ottobre l’apertura: giornata nazionale per la lotta contro l’obesità

Appuntamento per l’apertura della mostra “Chiave di Svolta – Storie e percorsi di persone con obesità” martedì 10 ottobre 2023 alle ore 09.00. Una data significativa il 10 ottobre poiché è la Giornata nazionale per la lotta contro l’obesità.

02 SAVE THE DATE Galeazzi Amici Obesi

 Chiave di Svolta

Storie e percorsi di persone con obesità

Libro Obesità chiave di svolta

Dona il tuo 5 x mille ad Amici Obesi

Basta inserire la tua firma e il nostro Codice Fiscale 97712540158, come ente prescelto per la donazione, nei sette riquadri della Dichiarazione dei redditi. Grazie per il tuo sostegno!

Tesseramento 2024

Diventa socio di Amici Obesi per sostenere tutto il lavoro d’informazione che quotidianamente aiuta migliaia di persone.
Iscriviti qui

Curarsi sul serio

Amici Obesi ti aiuta nel percorso di cura. Fai scorrere, cliccando sulla freccia a destra i due documenti qui sotto con esercizi e obiettivi per stare meglio.

Logo ADI Fondazione Amici Obesi
SICOB
Logo SIO - Amici Obesi
Ionet Logo Amici Obesi

Telefono ed email

cell: +39-329-213-6641
email: info@amiciobesi.it

Calendario

12-15 maggio 2024

31esimo Congresso Europeo sull’Obesità.
Venezia – Eco2024.org

Rapporto OMS Europa

Rapporto OMS Europa

Childhood Obesity Survellaince Initiative
Vai alla pagina Rapporti

FAQ Amici Obesi

L'obesità è una malattia?

La terapia chirurgica dell’obesità grave nasce in Italia verso la metà degli anni ’70. Nei primi venti anni della storia della chirurgia bariatrica assistiamo ad un vero e proprio sconvolgimento culturale. Inizialmente era persino difficile accettare, da parte di tutta la comunità medica, il concetto stesso che l’obesità si potesse curare chirurgicamente. La soluzione chirurgica, però, nasce e via via si afferma perché è l’unica in grado di comportare un notevole calo ponderale e, soprattutto, di mantenere, per un lunghissimo periodo di tempo se non per tutta la vita, la massima parte del calo ponderale ottenuto. Ciò comporta anche un netto miglioramento o addirittura la scomparsa delle comorbilità, una maggiore spettanza di vita ed una migliore qualità della vita.

Bendaggio Gastrico Amici Obesi
biliointestinale Amici Obesi
bypass gastrico Amici Obesi

Marina Biglia – Ex -Presidente

Marina Biglia è stata Presidente della nostra Associazione dal 2008 al 2018 e l’ha fatta diventare grande. Le piaceva dire che “l’obesità è una malattia, una malattia da cui si può guarire”.
Dopo la prematura scomparsa di Marina, Iris Zani ha preso il timone dell’Associazione.

Chi siamo

Siamo un Associazione no profit .
Perseguiamo esclusivamente finalità di solidarietà sociale.
Lo scopo della nostra Associazione è quello di svolgere attività nel settore dell’assistenza sociale e socio -sanitaria nei confronti di soggetti affetti da obesità e/o disturbi dell’alimentazione.

La nostra missione

Insieme Amici Obesi no profit nasce nel 2005, per colmare le esigenze informative sull’obesità in quanto malattia non ancora istituzionalmente riconosciuta e sui possibili percorsi di cura per affrontarla.

Si trasforma in AMICI OBESI ONLUS nel febbraio 2015

L’Associazione AMICI OBESI da voce ai pazienti che vivono con obesità.

Come ritrovare la consapevolezza del proprio corpo

Intervista all’Associazione Amici Obesi

v

Testimonials

Hanno bisogno del tuo aiuto

Loro hanno cambiato vita.. in meglio

Mi chiamo Franco ho 53 anni e ho vissuto la mia vita nell’ obesità. Nel 2015, tramite il Dottor Lovera sono stato ricoverato alla clinica San Luca di Pecetto torinese.

A febbraio 2016 ho fatto la sleeve ad un peso di 180 kg, nel 2017 ho raggiunto il peso forma di 95 kg.
Dai 95  Kg oggi mi dedico a cosa non avevo mai fatto:  fare 30 km senza fatica, andare in palestra o fare passeggiate in montagna.

Franco

“Ho sempre sognato di correre. Un momento prima ero in una nebbia scura. Un momento dopo, correvo. Rapido. Leggero.”

Gianluca

“Mi chiamo Nadia e questa è la mia storia, il mio percorso, la mia rinascita!”

Nadia

Email

Invio messaggio

Email

Segnala un centro