Home Insieme Home

Warning: strtotime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/amiciobesi.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 56

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/amiciobesi.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: strftime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/amiciobesi.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 250

Warning: strftime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/amiciobesi.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 250

Warning: date(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/amiciobesi.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 198

Warning: strftime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/amiciobesi.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 250

Warning: strftime(): It is not safe to rely on the system's timezone settings. You are *required* to use the date.timezone setting or the date_default_timezone_set() function. In case you used any of those methods and you are still getting this warning, you most likely misspelled the timezone identifier. We selected the timezone 'UTC' for now, but please set date.timezone to select your timezone. in /var/www/vhosts/amiciobesi.it/httpdocs/libraries/joomla/utilities/date.php on line 250

Insieme Amici ObesiINSIEME-Amici Obesi nasce nel 2005, per colmare le esigenze informative sull’Obesità in quanto malattia istituzionalmente riconosciuta e sui possibili percorsi di cura per affrontarla.

L’idea si sviluppa anche per la necessità di sfatare i soliti luoghi comuni ed i pregiudizi nei confronti degli obesi, visti dalla società come esseri deboli, capaci solo di abbuffarsi, persone prive di auto-controllo, esseri umani di serie B, capaci di suscitare solo sentimenti di "disgusto" o, nella migliore delle ipotesi, di pietismo e non considerati come MALATI veri e propri.Gli Obesi sono affetti da un Disturbo Alimentare così come gli anoressici e i bulimici. Ma mentre a loro è riconosciuto l'essere malati, agli obesi non sempre. E, cosa ancora peggiore, il nostro è un disturbo che, al contrario di molto gli altri (la depressione, l’alcolismo e, a bassi livelli, anche la tossicodipendenza), non si può nascondere, ma è palese e visibile.

Ecco perché gli obesi spesso si isolano, e noi sappiamo bene che la solitudine è uno dei peggiori nemici dell'obeso, e, quindi, forse solo unendo le voci di più persone e diffondendo l'informazione si può pensare che, prima o poi, anche la società arrivi a comprendere che si tratta di persone malate che, come tali, necessitano rispetto.

 

Vai alle Attività dell'Associazione

 

Il cuore dei disturbi alimentari è il silenzio e questo silenzio va rotto.
A partire da noi.

 

 

Il presidente attuale dell’Associazione Insieme Amici Obesi è Marina Biglia

Marina inizia ad interessarsi ai problemi relativi all’obesità dalla fine degli anni 90

Nel 2005 conosce e diventa socia dell’Associazione di pazienti Insieme Amici Obesi (www.amiciobesi.it )

Nel 2008 diventa consigliere della medesima associazione e moderatore del forum di auto aiuto Amici Obesi (www.forumfree.amiciobesi.it)

Nel febbraio 2010 viene eletto Presidente pro tempore di Insieme Amici Obesi no profit

Nel 2011 diviene Admin founder del forum di cui sopra

Ma prima di tutto questo è stata una donna obesa, una malata, con al suo attivo 136 chilogrammi di peso.

Nell’aprile 2010 pubblica, sulla base delle esperienze di altri pazienti obesi e grazie all’intervento di chirurghi specializzati in interventi per l’obesità, il volume IL PESO IRRAGIONEVOLE Storie di Ordinaria Obesità, che viene distribuito, gratuitamente, in 20.000 copie e presentato in diverse città italiane.

In collaborazione con Insieme Amici Obesi, in occasione della Giornata Europea dell’Obesità del 22 maggio 2011, presenta il progetto “Twelve: dodici donne”, una mostra fotografica che ha avuto luogo a Milano presso la Loggia dei Mercanti (Piazza Duomo) dal 19 maggio al 1° giugno 2011. La prima mostra fotografica che ha narrato il vissuto di 12 donne che hanno affrontato l’obesità e stanno combattendo la loro battaglia per la vita. 12 donne, provenienti da diverse città italiane, che raccontano attraverso le loro storie e le loro immagini come affrontano, ed hanno affrontato, la sfida.

Nell’aprile 2012 pubblica, insieme al dott. Carlo Gargiulo, con la casa editrice Mondadori, il libro TOGLIAMOCI IL PESO Riconoscere e combattere il sovrappeso e l’obesità.

Il libro, suddiviso in capitoli tematici, propone di volta in volta il confronto tra il malato di obesità, il medico di medicina generale, ed uno specialista. In questo modo, il nutrizionista, lo psicologo e il laureato in scienze motorie rispondono alle domande che ognuno vorrebbe porre sul quando, il come ed il perché si diventa obesi, per poi lasciare, quando il percorso nutrizionale per dimagrire non basta, al chirurgo bariatra ed al chirurgo plastico il compito di completare l’opera di “ricostruzione” di una persona che vuole emergere dal guscio del suo grasso.

Nel maggio 2012 collabora alla stesura di un capitolo del volume Medicina narrativa per una società sostenibile, edito da Lupetti

Calendario eventi

<<  Ottobre 2014  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
    1  2  3  4  5
  6  7  8  9101112
13141516171819
20212223242526
2728293031  

Newsletter

Iscriviti alla nostra Newsletter per ricevere le ultime notizie sulle attività di Amici Obesi

Tot. visite contenuti : 759557
 111 visitatori online